2015 27 luglio

Gli incontri di “Libri e Autori a Grado” giunti alla 25° edizione, proseguono Giovedì 30 luglio con Willy Pasini

Gli incontri di “Libri e Autori a Grado” giunti alla 25° edizione, proseguono Giovedì 30 luglio con Willy Pasini
Velarium GIT ore 18.00 Intervista Paolo Scandaletti

Gli incontri di “Libri e Autori a Grado” giunti alla 25° edizione, proseguono con una NOVITÀ Giovedì 30 luglio con

Willy Pasini sarà ospite al Velarium ore 18.00 nella spiaggia principale della Grado Impianti Turistici Spa in un cambio di location rispetto a quello programmato di Grado Pineta.

Intervista Paolo Scandaletti

Willy Pasini :noto al grande pubblico per le partecipazioni al Maurizio Costanzo Show e a numerose trasmissioni televisive e radiofoniche. Nel 2006 è stato candidato, con un programma personale incentrato sulla tradizione enogastronomica regionale, alle elezioni politiche tra le file della Lega Nord. È docente di psichiatria e di psicologia medica alla Facoltà di Medicina dell'Università di Ginevra e a quella di Milano e fondatore della Federazione Europea di Sessuologia. Dal 1973 ha lavorato come esperto all'Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO/OMS) per i programmi di Family Health and Sex Education. Autore di molti libri (tra cui gli ultimi nove best seller Arnoldo Mondadori Editore) tradotti in dieci lingue e di duecento pubblicazioni scientifiche. Pasini si occupa di psichiatria, psicologia medica, ginecologia psicosomatica, sessuologia clinica, malattie psicosomatiche e psicoterapia.

In gran parte dei Paesi europei, tra cui l'Italia, è vietata la pratica dell'«utero in affitto», legalizzata solo in Grecia, nei Paesi Bassi, in Gran Bretagna e in Romania. Eppure sempre più donne occidentali, quando non riescono a portare avanti una gravidanza, esaurito ogni altro tentativo, cercano un utero in affitto all'estero per superare questo limite. Questa procedura pone più problemi giuridici che medici e la legislazione varia a seconda dei Paesi: in America, ad esempio ogni Stato legifera singolarmente proibendo o permettendo questa pratica. Ciò nonostante la domanda di “utero in affitto” è in aumento anche negli Stati Uniti. Ho visto tre casi molto diversi tra loro. Il primo era quello di una coppia di industriali italiani in cui la moglie era stata operata di un cancro all'utero. Un ovulo di lei, prelevato prima dell'intervento per il cancro e conservato in un centro per la procreazione medicalmente assistita, è stato fertilizzato con lo sperma del marito e poi innestato in un utero in affitto con le garanzie psicologiche e giuridiche di una clinica californiana. I coniugi hanno pagato la prestazione e sono rientrati con il figlio che da cinque anni è in buona salute. Non pensano di dirgli quello che è successo all'inizio della sua vita poiché il patrimonio genetico è di suo padre e di sua madre. Invece, ho assistito a un altro caso in cui la proprietaria dell'utero in affitto era circondata di ogni attenzione durante la gravidanza, oltre a essere pagata. La donna si è ritrovata sola dopo il parto ed era intenzionata a tenere il figlio, pur avendo in precedenza espressamente rinunciato a ogni diritto, di fronte a un avvocato.

 





 Libri e Autori a Grado, 25° edizione, NOVITÀ, Giovedì 30 luglio, Willy Pasini, ospite, Velarium, Grado Impianti Turistici SpA, ore 18.00, spiaggia principale Grado