2015 30 maggio

BOLZONELLO, LA MOSTRA SU AUCHENTALLER RINSALDA I LEGAMI TRA GRADO E L'AUSTRIA

BOLZONELLO, LA MOSTRA SU AUCHENTALLER RINSALDA I LEGAMI TRA GRADO E L'AUSTRIA

http://www.regione.fvg.it/rafvg/giunta/dettaglio.act?dir=/rafvg/cms/RAFVG/Giunta/Bolzonello/comunicati/&id=94497&ass=C01&WT.ti=Ricerca%20comunicati%20stampa

TURISMO: BOLZONELLO, LA MOSTRA SU AUCHENTALLER RINSALDA I LEGAMI TRA GRADO E L'AUSTRIA

 

"Il vincolo che lega l'Austria a Grado non è solo di natura turistica, ma anche culturale". Lo sottolinea il vicepresidente della Regione Friuli Venezia Giulia e assessore alle Attività produttive Sergio Bolzonello in occasione della presentazione oggi a Vienna, nella sede del prestigioso Leopold Museum, della mostra sul pittore secessionista austriaco Josef Maria Auchentaller (1865-1949), di casa a Grado sin dall'inizio del secolo scorso, un evento che arricchirà l'offerta della cittadina balneare durante la prossima estate.

La mostra, che sarà ospitata nella Casa della Musica a partire dal 20 giugno prossimo, è organizzata dall'Associazione culturale Grado '900 assieme al Comune, con il sostegno della Regione, di TurismoFVG e della Camera di Commercio di Gorizia, in collaborazione con l'Archiv J.M. Auchentaller e il Leopold Museum, in occasione dei 150 anni dalla nascita dell'artista austriaco.

La mostra, aperta sino al primo novembre 2015, si intitola "Wiener Bijoux" e propone appunto una serie di gioielli e di raffinati oggetti in argento e smalto prodotti dalla casa viennese di Georg Adam Scheid su disegno di Auchentaller. L'evento sarà arricchito da un percorso in città nei luoghi cari all'artista e da una serie di incontri a tema, mettendo in risalto il forte legame esistente tra la località balneare e Auchentaller.

Siamo insomma di fronte a "un'iniziativa che evidenzia la nuova strategia turistica regionale indirizzata a rinsaldare i legami storici con l'area austriaca e tedesca", ha commentato Bolzonello, alla presentazione a cui sono intervenuti l'ambasciatore Giorgio Marrapodi, il curatore Roberto Festi, il direttore del Leopold Museum Franz Smola e il presidente della GIT Alessandro Lovato.

"Questa occasione culturale - rimarca Bolzonello - deve diventare il volano per una promozione turistica particolarmente incisiva nei mercati esteri di lingua tedesca che tenda a mettere nel dovuto conto le radici di questo antico rapporto giovandosi della celebrità di Auchentaller in patria".

"Il nostro intendimento - sottolinea il vicepresidente - è che questo progetto venga collegato a un programma che sappia fare rete fra i grandi eventi culturali in regione. Ben conoscendo le buone abitudini degli ospiti austriaci, deve esserci un ponte ideale tra Grado con Auchentaller, Mittelfest, la prossima mostra di Mirò a Villa Manin e la valorizzazione degli straordinari affreschi del Tiepolo al Museo Diocesano di Udine e delle altre sue testimonianze nel capoluogo udinese".

"TurismoFVG - conclude Bolzonello - sta lavorando per mettere a frutto questa sinergia. Per questo, il rinnovato club City Stay, che struttura il prodotto turistico per il soggiorno breve nelle nostre in città d'arte, ha avuto un'adeguata promozione anche in questo appuntamento viennese al Leopold".

La mostra sul pittore secessionista austriaco avrà un'appendice anche nelle hall di alcuni alberghi di Grado e in altri luoghi del centro storico, per sottolineare il profondo legame fra l'Isola d'Oro, l'artista e la sua famiglia, in particolare la moglie Emma, figlia di Georg Adam Scheid, un esempio di successo d'imprenditoria femminile.

L'evento rappresenta anche un'opportunità per dare visibilità al lavoro che TurismoFVG sta svolgendo per potenziare e ammodernare l'offerta turistica regionale, puntando a far capire che la vera ricchezza regionale non è fatta solo di spiagge e sole, ma anche di uno straordinario entroterra capace di offrire una destinazione slow, ad alto contenuto emozionale dove si fondono cultura, territorio, natura ed enogastronomia.